Break even point: cos’è il punto di pareggio

18 Marzo ore 10.25

Generare profitti è l’obiettivo di tutte le imprese. Tuttavia, questo obiettivo si raggiunge solo quando le vendite superano i costi. In genere, un fatturato sufficientemente elevato non viene generato subito dopo l’avvio di un’azienda. Spesso per i primi anni i costi superano le vendite e l’azienda si trova nella zona di perdita. Con l’aumento delle vendite nel tempo, l’azienda si avvicina alla zona di profitto. Quando i costi e le vendite si equivalgono, l’azienda raggiunge il punto di pareggio nella zona di profitto e quindi il cosiddetto punto di pareggio (BEP).

Break even point: quanto è importante?

All’interno delle aziende, il Break Even Point (BEP) è il punto di pareggio in cui i profitti sono bilanciati rispetto ai costi sostenuti. Al di sotto di questa soglia, le aziende registrano una perdita, mentre al di sopra del BEP realizzano un profitto che è positivo per il bilancio. Questo indicatore è rilevante sia per le start-up che per le imprese consolidate.

Di fatto, il punto di pareggio separa l’area delle perdite da quella dei profitti; una volta raggiunto il BEP, l’impresa non genera né profitti, né perdite.

Se il BEP deve essere determinato per un singolo prodotto, deve essere definito in termini di unità (il valore di un prodotto). Invece, il BEP per più prodotti o per l’azienda nel suo complesso viene indicato come l’ammontare delle vendite totali da realizzare (considerazione di più prodotti).

In effetti, il BEP è uno dei parametri essenziali per misurare il successo di un’impresa, poiché l’obiettivo è sempre quello di superarlo. Gli imprenditori partono sempre dal punto di pareggio, capiscono come raggiungerlo e organizzano la produzione di conseguenza.

Break Even Point: come calcolarlo

Al fine di ricavare il punto di pareggio di un’azienda, è necessario considerare tre indicatori di gestione:

  • costi fissi;
  • costi variabili;
  • ricavi.

I costi fissi sono quei fattori di produzione che mantengono un valore costante nonostante le variazioni del volume delle attività dell’impresa. Ne sono un esempio l’affitto degli spazi produttivi, i costi di manutenzione ordinaria e i costi dei contabili e di altri consulenti esterni che effettuano visite e controlli fissi.

Di base, i costi fissi sono sempre presenti, indipendentemente dai volumi di produzione o di vendita. Sono anche detti costi indipendenti dal tempo. Si presentano anche quando si lavora nei giorni festivi. I costi fissi comprendono, ad esempio:

  • affitto;
  • stipendi dei dipendenti;
  • premi assicurativi;
  • canoni di locazione;
  • tassi di interesse;
  • ammortamento.

I costi variabili prendono in considerazione i fattori di produzione il cui valore fluttua in base al carico di lavoro dell’azienda. Ad esempio, per il calcolo del punto di pareggio, si tiene conto del prezzo delle materie prime acquistate o del prezzo dovuto al consumo di energia.

I costi variabili comprendono, ad esempio:

  • costi per il consumo di materiale;
  • costi energetici;
  • costi di trasporto;
  • costi della manodopera.

Se i costi variabili aumentano allo stesso ritmo dei volumi di produzione o di vendita, si parla di costi variabili proporzionali. Se i costi variabili aumentano di più, si parla di costi variabili progressivi. Ad esempio, possono crescere in modo progressivo se il costo della manutenzione delle macchine aumenta in modo significativo a causa dell’aumento della produzione. I costi variabili possono anche fluttuare in modo decrescente, ad esempio quando i costi variabili sono inferiori alle vendite. Questo può accadere quando vengono concessi sconti per merci acquistate in grandi quantità.

Per quanto concerne i ricavi, le entrate dell’azienda derivano dalla vendita di prodotti, servizi e dalla realizzazione di progetti.

La distinzione tra costi fissi e variabili non è considerata definitiva, anche se fatta con attenzione. La classificazione deve essere aggiornata di conseguenza, poiché alcuni costi possono essere considerati stabili nel breve periodo, ma cambiare nel lungo periodo. Una volta raccolti i dati, il BEP può essere calcolato in due modi: analitico e illustrativo.

Confronto tra metodo analitico e metodo grafico

Per ricavare il punto di pareggio secondo il sistema analitico, si utilizza una formula molto semplice. Si tratta del rapporto tra il costo fisso e la differenza tra il prezzo di vendita di un’unità di prodotto e il suo costo variabile. Per scriverla, il costo fisso è CF, il prezzo di vendita per unità è PVU e il costo variabile per unità è CVU. La formula è BEP = CF / (PVU – CVU).

Lo svantaggio di questo metodo è che i calcoli devono essere fatti per ogni prodotto che un’azienda produce, poiché ad esempio può richiedere materiali con costi diversi.

La differenza tra PVU e CVU corrisponde al margine di contribuzione, che è un indicatore importante per determinare la strategia di produzione.

D’altra parte, il metodo grafico per ricavare il punto di pareggio mette in relazione i tre fattori di cui sopra. Su un piano cartesiano, l’asse X rappresenta il volume di produzione e l’asse Y i costi fissi e variabili. Da questi si ricavano i costi totali, rappresentati da una linea retta.

Infine, sullo stesso grafico si traccia la retta dei ricavi che interseca quella dei costi totali, definendo la soglia BPE. Graficamente, si tratta semplicemente del punto di contatto tra le due rette, le cui coordinate rappresentano i costi e le attività lavorative che si compensano. La prima linea è l’asse ordinata del BPE e la seconda è l’ascisse.

Break Even Point: analisi

L’analisi del punto di pareggio viene utilizzata per capire cosa fare una volta ricavato il valore del BEP.

Grazie a questa analisi, le aziende possono modificare il prezzo di vendita dei loro prodotti, che ha un impatto significativo sulla redditività. I profitti possono quindi essere realizzati in base ai costi stabiliti.

In secondo luogo, il punto di pareggio aiuta le aziende a fissare obiettivi di profitto realistici e specifici. Un dato di questo tipo aiuta anche a motivare il team. Il punto di pareggio è il primo obiettivo da raggiungere, dopo il quale se ne possono fissare altri.

Ci sono situazioni in cui è necessario prestare particolare attenzione all’analisi del punto di pareggio, ad esempio quando si avvia una nuova attività. Una start-up parte sempre con un progetto in cui vuole investire, ma in base ai risultati dell’analisi si può capire se può crescere o meno. Si può quindi intervenire in tempo per ridimensionare alcuni aspetti.

Lo stesso vale quando un’azienda già affermata introduce un nuovo prodotto o servizio. Questo fattore può avere un impatto considerevole sui costi variabili che l’azienda deve sostenere, con conseguenti variazioni del BPE. L’analisi è quindi essenziale per stabilire il prezzo ideale per il nuovo prodotto.

Break Even Point: come diminuirlo

Se il punto di pareggio è difficile da mantenere, ci sono modi per ridurne il valore.

Una delle prime strategie consiste nell’intervenire a livello di costi fissi. Questi sono infatti direttamente proporzionali al BPE e più sono alti, più alto è il punto di pareggio. Non è un’operazione facile, ma può essere fatta, ad esempio, trasferendo l’attività in locali con affitti più bassi.

Sebbene sia più complesso, anche i costi variabili possono essere affrontati. Ad esempio, si possono cambiare i fornitori di materiali, considerando sia quelli più economici che quelli in termini di qualità, oppure analizzando il settore nel suo complesso. Tra le altre strategie, si può pensare di ridurre i costi di pubblicità e le spese per i canali di vendita.

Infine, un’altra soluzione possibile è aumentare il costo dei prodotti e ridurre il numero di vendite per raggiungere il pareggio.